1999-03

Rivista di Micologia

anno XLII - n. 3 Luglio-Settembre 1999

 

Sommario

Consiglio G.: Contributo alla conoscenza dei macromiceti della regione Emilia-Romagna. XVI. Genere Clitocybe - Parte seconda - pag. 195
Robich G.: Mycena vitilis (Fr.) Quélet var. carsica. Una nuova varietà dall'Italia - pag. 211
Tentori A.: Su un ritrovamento di Discina parma - pag. 217
La Chiusa L.: Contributo allo studio del genere Hebeloma - pag. 221
Maletti M. & R. Paolini: Due funghi poco conosciuti dei Monti delle Cesane - pag. 241
Robich G. & M. Marchetti: Mycena erianthi-ravennae Robich & Marchetti spec. nov. - pag. 247
Papetti C. & G.: Scandinavia: sulle orme dei grandi naturalisti nordici, a contatto con una natura incontaminata - Parte seconda - pag. 249


*************************************************************

Contributo alla conoscenza dei macromiceti della Regione Emilia Romagna XVI. - Genere CLITOCYBE - Parte seconda
GIOVANNI CONSIGLIO

RIASSUNTO
Proseguendo la serie di contributi dedicati al censimento e alla mappatura della flora dei Macromiceti della Regione Emilia-Romagna*, in questo secondo articolo dedicato al genere Clitocybe, descriviamo alcune specie interessanti, ritrovate nelle Province di Bologna e di Modena.

ABSTRACT
In this fifteenth contribution, some rare or interesting Clitocybe species, found in the Provinces of Bologna and Modena (Italy), are presented and illustrated by colour photographs.

*XV Contributo: G. Consiglio, Boll. Gruppo. Micol. "G. Bresadola" di Trento 42 (2): 57-77 (1999).



*************************************************************

MYCENA VITILIS (Fries) Quelet var. CARSICA una nuova varietà dall'Italia
GIOVANNI ROBICH

RIASSUNTO
Viene presentata Mycena vitilis var. carsica var. nov., un nuovo taxon che si differenzia dalla var. vitilis per il colore bianco del carpoforo in ogni sua parte, nonché per le diverse dimensioni riscontrate in alcuni elementi microscopici, meglio evidenziate nella descrizione. Gli exsiccata sono depositati nell'Erbario del Museo Civico di Storia Naturale di Venezia.

ABSTRACT
It is here described Mycena vitilis var. carsica var. nov., a new taxon which differs from var. vitilis for the fruitbodies white throughout and for the different size of some microscopic elements as pointed out in the description.

Key word: Basidiomycetes, Agaricales, Tricholomataceae, Mycena vitilis var. carsica.


*************************************************************

Su un ritrovamento diI DISCINA PARMA
ANTONIO TENTORI

RIASSUNTO
Vengono riportate alcune osservazioni sull'habitat di Discina parma e viene fatta una revisione dei caratteri macro- e microscopici.

ABSTRACT
Some observations concerning the habitat of Discina parma are reported and its microscopic and macroscopic characters are revised.


*************************************************************

Contributo allo studio del Genere HEBELOMA
LILLO LA CHIUSA

RIASSUNTO
In questo contributo l'autore presenta una chiave di determinazione, a carattere compilativo, per le specie di Hebeloma senza cortina e con lamelle lacrimanti nel giovane. Inoltre. descrive H. crustuliniforme (Bulliard) Quélet, H. leucosarx P.D. Orton, H. colossus Huijsman e H. populinum Romagnesi.

ABSTRACT
In this work the author presents a compilative determination key for the Hebeloma species without cortina and with gills exuding droplets in young specimens. He also describes H. crustuliniforme (Bulliard) Quélet, H. leucosarx P. D. Orton, H. colossus Huijsman, H. populinum Romagnesi.


*************************************************************

Due specie poco conosciute dei Monti delle Cesane
MARCO MALETTI & ROMANO PAOLINI


RIASSUNTO
Il raro Entoloma rubellum (Scopoli) Gillet e Cortinarius aurantiobasalis Bidaud, specie non ancora segnalata sul territorio italiano, ritrovati in provincia di Pesaro, vengono descritti e illustrati con fotocolor.

ABSTRACT
The rare Entoloma rubellum (Scopoli) Gillet and Cortinarius aurantiobasalis Bidaud, a species not yet recorded for the italian territory, both found in the province of Pesaro, are described and illustrated by photocolours.


*************************************************************

MYCENA ERIANTHI-RAVENNAE spec. nov.
GIOVANNI ROBICH & MAURO MARCHETTI

Nel prossimo numero della Rivista di Micologia presenteremo un articolo con descrizione dettagliata e con illustrazioni macro- e microscopiche; per ora pubblichiamo la diagnosi latina di questa nuova Mycena.

DIAGNOSI ORIGINALE
Pileus 5-28 mm latus, subglobosus, globoso-carnpanulatus, campanulato-convexus, umbone plus minusve eminente praeditus, griseoviridis, pallide olivaceus, ochraceoviridis, pallide ochraceoolivaceus, sericeo-glabrescens, margine pallescente, tenuiter striato. Lamellae 30-34 (1L = 1-2 l), adscendentes, adnatae, albidae, crerneoochraceae. Caro alba, nullo sapore, odore nullo vel dubie farinaceo. Stipes 35-75 mm altus, 1-3 mm crassus, aequalis, cavus, elastco-fragilis, laevis, nitens, sursum albogriseus deinde pallide griseus, basi alba lanugine praedita, non radicante. Habitat: solitaria, gregaria, fasciculata, ad basim Erianthi ravennae.
Sporae (5) 5,5-6,5 (7) x 7,5-9 (10) µm, ellipsoideae, globoso-ellipsoideae, hyalinae, apiculo parvo, amyloideae. Basidia (7) 7,5-8,5 x 27-33 µm, tetrasporigera, clavaeformia. Cheilocystidia 6-25 (35) x 30-65 µm, subpiriformia vel clavaeformia basi elongata, sursum tenuibus tumoribus praedita, raro laevia. Pleurocystidia 7,5-25 x 43-50 µm, frequentia, cheilocystidiis similia. Epicutis hyphis cylindraceis, 3-l 0 µm latis, tenuis tumoribus praeditis, in cellulas 3-l2 µm latas tumoribus praeditas desinentibus constifuta. Hyphae externae stipitis 2-3 µm latae, tenuibus tumoribus, in cellulas 2-8 µm latas tumoribus praeditas desinentes. Fibulae adsunt. Holotypus MCVE 840. Leg. M. Marchetti, 14.XI.1997. Tenuta di S. Rossore (PI).



*************************************************************

Scandinavia: sulle orme dei grandi naturalisti nordici, a contatto con una natura incontaminata - Parte II
CARLO E GIACOMO PAPETTI

RIASSUNTO
Gli autori descrivono e illustrano il viaggio che li ha portati a percorrere oltre 7.000 Km in terra scandinava, attaversando la Danimarca, risalendo la Norvegia fino a oltre il Circolo Polare Artico per poi percorrere la Lapponia svedese e quella finlandese prima di discendere la Finlandia e approdare in Svezia dove, a Femsjö, hanno reso omaggio al villaggio che diede i natali al sommo Elias Magnus Fries. Il resoconto illustra alcune fra le più significative tappe in una natura per molti versi selvaggia e ancora vergine. Sono inoltre descritti e illustrati oltre 20 reperti fungini, alcuni dei quali di notevole interesse scientifico.

ABSTRACT
The authors describe and illustrate the trip which led them to cover more than 7.000 Km in Scandinavia, passing through Denmark, going up to Norway until and beyond Polar Artic Circle and to run across Swedish and Finnish Lapland before going down through Finland and reaching Sweden where, at Femsjö, they visited the village which was the birthplace of the great E.M. Fries. The report illustrates some of the most meaningful legs within a nature for many aspects wild and still virgin. Moreover, more then 20 fungal collections, some of which of a remarkable scientific interest are described and illustrated.


Copertina: Clavaria rosea - Foto G. Campagnola

A.M.B.

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA
via A. Volta 46, I
38123 - Trento (TN)
C.F. 80017380223
Tel e Fax 0461.913960
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@ Social

Segui L'Associazione Micologica Bresadola su Facebook