Paxillus rubicundulus

Paxillus rubicundulus
P.D. Orton
[= Paxillus filamentosus
(Fries) Fries ss. Auct., non Fries

Mycena Pura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPPELLO 40-90 (120) mm, convesso poi appianato, alla fine concavo ed imbutiforme, talvolta lobato; margine lungamente involuto poi incurvato verso il basso, acuto, infine disteso, un po’ crenulato; superficie minutamente feltrata, secca, opaca, screpolato-fessurata a partire dal margine a tempo secco, vischiosa a tempo umido; di colore ocra con riflessi rossastri, nocciola, presto bruno ruggine; superficie lentamente di colore bruno rossastro sordido se traumatizzata.
LAMELLE arcuato-decorrenti, fitte, strette, anastomizzato-forcate specialmente presso l’inserzione con il gambo, ocra pallido, poi brunastre con riflesso oliva, al tocco o in seguito a traumi lentamente di un bruno tabacco sordido; facilmente separabili in blocco dalla carne del cappello.
GAMBO 25-70 × 8-15 mm, cilindraceo, un po’ ingrossato verso l’alto, sovente incurvato, eccentrico; fibrilloso, sostanzialmente concolore al cappello, su toni ocra o brunastri; bruno rossastro cupo alla manipolazione o per traumi.
CARNE compatta, succosa, di colore ocra pallido, cuoio, lentamente bruno rossiccio sordido al taglio; odore debole, gradevole, sapore appena amarognolo acidulo.
MICROSCOPIA : spore ellissoidali, ocracee al MS, 5,8-7,2 × 3,8-4,4 µm; cuticola del cappello costituita da ife cilindracee, organizzate in un tricoderma subparallelo presto prostrato in una cutis; pigmento intracellulare. Sporata di color bruno ocra rossastro.
HABITAT : a gruppi numerosi in boschi umidi di ontani (Alnus). Dall’estate all’autunno.
NOTE - Molto simile al più comune P. involutus, è distinguibile per la cuticola più spesso screpolata al margine, per il margine più precocemente disteso, per la colorazione generale più bruno ruggine. Nei casi dubbi la certezza della determinazione può essere conseguita solo esaminando le spore, che sono di dimensioni minori e più chiare in P. rubicundulus.

 

Paxillus involutus

Paxillus involutus
(Batsch) Fries

Mycena Pura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPPELLO 50-100 (150) mm, convesso poi appianato, alla fine concavo ed imbutiforme; orlo lungamente involuto, poi incurvato verso il basso, acuto, tardivamente disteso, talvolta lobato; superficie minutamente feltrata, secca, opaca, talora screpolato-fessurata specialmente all’orlo a tempo secco, vischiosa a tempo umido; di colore bruno-ocra, bruno-fulvo, cannella, con marcati riflessi olivastri; superficie lentamente di colore bruno rossastro sordido se traumatizzata.
LAMELLE arcuato-decorrenti al gambo, fitte, poco sviluppate in altezza, anastomosate in modo molteplice specialmente presso l’inserzione con il gambo, di colore ocra pallido, poi brunastre con riflesso oliva, al tocco o in seguito a traumi lentamente di un bruno tabacco sordido; facilmente separabili in blocco dalla carne del cappello.
GAMBO 30-75 × 8-15 mm, cilindraceo, un po’ ingrossato verso l’alto, incurvato verso la base, eccentrico; superficie fibrillosa, subconcolore al cappello, su toni ocra, poi brunastri; bruno rossastro cupo alla manipolazione o per traumi.
CARNE compatta, succosa, di colore ocra pallido, cuoio, lentamente bruno rossiccio sordido al taglio; odore debole, gradevole, sapore appena amarognolo acidulo.
MICROSCOPIA : spore ellissoidali, di colore brunastro ocraceo al MS, 7-9,5 × 4,4-5,5 µm; cuticola del cappello costituita da ife cilindracee, organizzate in un tricoderma subparallelo presto prostrato in una cutis; pigmento intracellulare. Sporata di colore bruno ruggine.
HABITAT: ubiquitario, a gruppi numerosi in boschi umidi di latifoglie e di conifere, anche in parchi. Dall’estate al tardo autunno.
NOTE - È il Paxillus più comune che si può trovare in qualunque tipo di bosco. La sua commestibilità, data per scontata sino a pochi anni or sono, è oggetto di discussione, dal momento che si conoscono numerosi casi di intossicazioni piuttosto gravi (anche mortali) imputabili al consumo successivo e ravvicinato di questa specie.
Il P. rubicundulus è molto simile, talvolta indistinguibile, ma ha spore più piccole ed è strettamente legato ad Alnus .

A.M.B.

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA
via A. Volta 46, I
38123 - Trento (TN)
C.F. 80017380223
Tel e Fax 0461.913960
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@ Social

Segui L'Associazione Micologica Bresadola su Facebook