Armillaria mellea

Armillaria mellea
(Vahl : Fr.) Kummer

Nomi volgari: Chiodino, Famigliola buona

Armillaria Mellea

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CAPPELLO 25-60 (100) mm, emisferico, poi disteso-convesso, infine appianato-umbonato con leggera depressione prediscale, cosparso da fini squamulette erette brunastre fugaci, con orlo sottile, inizialmente fimbriato per residui del velo, poi nudo e ± brevemente striato, con andamento ondulato-sinuoso negli adulti; di colore variabile, da bruno giallastro a color ambra, a bruno scuro, talora con sfumature olivastre, mantiene a lungo il margine pallido, biancastro.
LAMELLE adnate e ± lungamente decorrenti per un filetto, abbastanza fitte e piuttosto strette; biancastre, poi debolmente beige, infine maculate di bruno rossastro.
GAMBO 60-120 (160) × 10-22 (35) mm, cilindraceo, sovente affusolato alla base, altre volte un po’ dilatato, a crescita cespitosa, fibroso-legnoso, pieno, presto farcito da un midollo evanescente, esteriormente cosparso da fioccosità membranacee dissociate e disordinatamente disposte al di sotto dell’anello, ± fugaci, fibrilloso-pruinoso all’apice; da crema carnicino a concolore al cappello, vistosamente imbrunente alla base.
ANELLO membranoso, persistente, striato nella facciata inferiore, fioccoso-cotonoso all’orlo; bianco, talora giallo all’estremo margine.
CARNE abbastanza spessa al disco, biancastra, assai coriacea nel gambo, di sapore ± amaro e astringente, odore fungino.
MICROSCOPIA: spore da elissoidali a obovoidali, lisce, 7-8,6 × 5,4-6 µm; basidi senza giunti a fibbia.
HABITAT: parassita su legno di latifoglie, piuttoso tardivo, abbondante, molto comune.
NOTE - Commestibile con cautela (cfr. Note a A. ostoyae). A. tabescens, che cresce parimenti cespitosa su latifoglie, è molto simile ma si distingue per l’assenza di anello membranoso; A. ostoyae (= A. obscura)è più scura, con squamule erette persistenti, anello bordato di bruno e cresce preferibilmente su conifere; A. cepistipes è più gracile e pallida, piuttosto igrofana; A. gallica (= A. bulbosa, A. lutea) è meno cespitosa, cresce sovente a individui ± isolati, volentieri a terra (su residui legnosi interrati) e porta residui del velo, così come l’orlo dell’anello, diffusamente gialli.

A.M.B.

ASSOCIAZIONE MICOLOGICA BRESADOLA
via A. Volta 46, I
38123 - Trento (TN)
C.F. 80017380223
Tel e Fax 0461.913960
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

@ Social

Segui L'Associazione Micologica Bresadola su Facebook

Questo sito (compresi gli strumenti di terze parti utilizzati in esso) si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie.